Perchè dotarsi di uno scaldavivande portapranzo in tempo di pandemia e restrizioni

Uno dei tanti effetti prodotti dalla pandemia per Covid-19 è stato sicuramente quello che ha portato moltissime aziende, appartenenti sia al settore pubblico che a quello privato, ad adottare la modalità di lavoro agile definita anche con il termine di smart working. Molti lavoratori, infatti, per questioni legate alla sicurezza e alla propria salute sul posto di lavoro, hanno usufruito, o stanno ancora usufruendo, della possibilità di lavorare da casa.

Ma a non tutti è stata concessa o promulgata questa modalità di lavoro: basti pensare a tutte le aziende manifatturiere che, per ovvi motivi legati alla continuità da garantire alla produzione dei propri prodotti, non possono permettersi di lasciare a casa la maggior parte della propria forza lavoro. In tal caso, però, tali aziende hanno comunque adottato dei provvedimenti straordinari e speciali per salvaguardare la salute dei propri lavoratori.

Uno di questi ha riguardato, ad esempio, la gestione delle mense aziendali. In molti casi queste sono state chiuse, oppure è stato ridotto il numero di persone che vi possono accedere contemporaneamente o, in ultimo, sono stati aumentati i turni messi a disposizione dei lavoratori per consumare il proprio pasto evitando, quindi, gli assembramenti.

Tuttavia, per chi comunque non si sentisse particolarmente rassicurato da tutte queste disposizioni di sicurezza adottate, una delle soluzioni per il Pranzo al lavoro in totale sicurezza (sempre che sia permessa sul proprio posto di lavoro) è senz’altro quella di portarsi il cibo da casa.

portavivande bio

In questo caso, la soluzione migliore è quella di dotarsi di un scaldavivande elettrico che permette, in totale sicurezza e con grande facilità, di scaldare o mantenere alla giusta temperatura il proprio cibo gustandoselo come se fosse stato appena cotto/preparato.

In commercio si possono trovare diverse tipologie di scaldavivande: si passa da portavivande bio che rispettano, quindi, l’ambiente e che possono essere riposti sia in microonde che in freezer, a scaldavivande più tecnologici a controllo digitale della temperatura con timer ad accensione ritardata.

Per chi ama la praticità, i portavivande rappresentano la soluzione ideale: comodi da usare e da portare in giro, sono studiati e testati per l’utilizzo in microonde e l’inserimento in freezer. Si tratta di prodotti che fanno della praticità il loro punto di forza, perfetti per riscaldare il cibo in microonde sino a temperature che possono arrivare a toccare i 120°.

scaldavivande portatile armadillo

Per chi volesse, invece, prodotti più tecnologici, c’è una vasta scelta di scaldavivande in commercio tra cui poter scegliere. Questi prodotti permettono di consumare caldo il proprio pasto, in completa autonomia e comodità, a casa, in auto, in camper, al lavoro, a scuola o in vacanza. Alcuni sono poi dotati di sistemi di impostazione digitale della temperatura e di timer digitali ad accensione ritardata per poter soddisfare ogni tipo di richiesta o necessità. Inoltre, i prodotti top di gamma sono anche dotati di vaschette estraibili in acciaio inox che consentono una perfetta igienizzazione del prodotto e una ancora maggiore capacità termica.

Poiché, purtroppo, le previsioni per un ritorno alla normalità non fanno presagire tempi brevi, approfittate di questo periodo festivo per regalarvi e/o regalare degli scaldavivande perfetti per mangiare cibo caldo a lavoro in totale sicurezza. Se, infatti, non volete rinunciare ad un pasto caldo, pur non potendo usufruire di mense o non potendo più accedere a bar e ristoranti durante la pausa pranzo, allora uno scaldavivande super tecnologico è la soluzione che fa al caso vostro per mangiare bene ed in totale sicurezza.

Post suggerito

L'Italia a morsi - ricetta Polenta brustolà con fegatini di pollo di Chiara Maci

L’Italia a morsi | Polenta brustolà con fegatini di pollo ricetta Chiara Maci

Ingredienti, procedimento e video della ricetta Polenta brustolà con fegatini di pollo di Chiara Maci per la trasmissione L'Italia a morsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.