Quaglia da amare ricetta Stefano da MasterChef 4

Un secondo piatto avente come ingrediente principale la quaglia di cui viene esaltato il sapore in maniera particolare quello che ci ha proposto Stefano, concorrente della quarta edizione della trasmissione di cucina di Sky dal titolo Masterchef. Stefano, infatti, sotto lo sguardo attento degli inflessibili giudici di gara di Masterchef 4, cioè Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich, ha preparato un secondo piatto a base di quaglia con aggiunta di sogliola, fiori di zucca e ricotta realizzando un trittico di sapori davvero invitanti.

Masterchef 4 - ricetta Quaglia da amare di Stefano
Foto tratta dalla trasmissione di cucina Masterchef in onda su Sky

Ecco quindi nel dettaglio gli ingredienti e la preparazione di questo appetitoso piatto dal titolo Quaglia da amare proposta per noi nel corso della trasmissione di cucina dal titolo MasterChef in onda su Sky!

Durata ricetta Quaglia da amare: 45 min

Ingredienti per 4 persone

  • sedano rapa, 2
  • cosce di quaglia, 8
  • patate di montagna, 4
  • fiori di zucca, 4
  • ricotta, 150 gr
  • parmigiano, 200 gr
  • filetti di sogliola, 4
  • cipolle dorate, 2
  • porro, 1
  • sale
  • olio evo
  • pepe nero
  • burro
  • salvia
  • rosmarino
  • zucchero

Procedimento della ricetta Quaglia da amare da MasterChef

Puliamo, laviamo e dissossiamo le cosce di quaglia. Creiamo con la ricotta, il sale, il pepe e un filo d’olio un impasto e riempiamo le coscette facendo attenzione a non forare la pelle. Ripassiamo le coscette in una padella ben calda con un filo d’olio fino a doratura e terminiamo la cottura in forno.

In una padella ben calda facciamo appassire le cipolle precedentemente tagliate a fettine sottili con un filo d’olio, del sale, un pizzico di pepe e un pizzico di zucchero aiutandovi con qualche cucchiaio di acqua fino a quando le cipolle non saranno ben appassite e trasparenti.

Togliamo dalla padella e sullo stesso tegame facciamo dorare leggermente i filetti di sogliola anch’essi oliati in precedenza. Terminiamo il tutto aggiungendo alle sogliole le cipolle e una julienne di fiori di zucca. Facciamo cuocere ancora un minuto e aggiustiamo se necessario di sale e pepe. Teniamo da parte.

Tagliamo a fettine sottili le patate mantenendo la buccia dopo averle accuratamente lavate, passiamole velocemente in acqua bollente per due minuti e immediatamente facciamole raffreddare in acqua e ghiaccio.

Disponiamo le patate su un foglio di carta forno in una teglia, poniamo sopra di esse delle rondelle sottilissime di porro, una julienne di salvia appena tritata e cospargiamo con abbondante parmigiano. Condiamo con sale pepe e un filo d’olio, riponiamo i tortini in forno a gratinare fino a corretta doratura.

Laviamo, peliamo e tagliamo sottilmente il sedano rapa e otteniamo una julienne. Passiamo il sedano rapa nella farina rimacinata e friggiamolo a 170 gradi fino a lieve doratura. A corretta croccantezza facciamolo scolare su un foglio di carta assorbente, saliamolo e teniamolo pronto per l’impiattamento.

Nel piatto di portata prescelto disponiamo un tortino di patate, porri e salvia sul quale adagiamo le due coscette di quaglie ripiene. Al centro disponiamo un generoso ciuffo di sedano rapa croccante fritto e infine completiamo il piatto con la sogliola a strati, la cipolla e i fiori di zucca. Condiamo il tutto con un leggero filo d’olio e una macinata di pepe fresco e serviamo ben caldo.

Se la ricetta “Quaglia da amare” tratta dal programma tv “MasterChef 4” vi è piaciuta e l’avete cucinata anche voi, lasciate il vostro commento e datele il vostro voto, saremo ben contenti di riportare le vostre opinioni.

Check Also

Geo - ricetta Tortelloni fritti ai funghi di Alessandra Bazzocchi

Geo | Tortelloni fritti ai funghi ricetta Alessandra Bazzocchi

Ingredienti, procedimento e video della ricetta Tortelloni fritti ai funghi di Alessandra Bazzocchi per la trasmissione Geo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.